20 gennaio, 2014

Alla fine

C'era una volta una ragazza carica di sogni.

La sua mente era aperta verso il mondo, nel vero senso della parola: la sua passione erano le lingue, il linguaggio, le loro differenze, le loro analogie e il loro continuo evolversi. Era appassionata di tutto ciò che la portava a scoprire culture diverse, differenti modi di comunicare, di usare i suoni, i gesti, le parole.

Sognava di esplorare un sacco di posti, tantissimi e per lo più freddi.

Sognava un lavoro da interprete/traduttore, o qualcosa che per lo meno si avvicinasse.

Non aveva preventivato gli ostacoli che l'hanno fatta laureare un po' in ritardo, facendole scegliere di cercare subito lavoro, evitando di inabissarsi in ulteriori corsi di specializzazione.

Non aveva preventivato di trovare un lavoro così dannatamente comodo e ben pagato, accanto a casa, ma che poi sarebbe scoppiato improvvisamente, peggio di una bolla di sapone.

Non aveva preventivato che si sarebbe sposata a 32 anni suonati.


Il futuro non si può vedere, si può solo immaginare, mettendosi il cuore in pace perchè tante volte la vita fa di testa sua.

Tante cose non sono andate come lei sognava, quando se ne stava a leggere sul ponte, sotto casa, e ogni tanto interrompeva la lettura per guardare le nuove bianche rincorrersi nel cielo blu sopra le montagne.

Tante cose possono ancora accadere.

E poi, quando si ritrova a passeggiare sulla neve, nel luogo che più ama al mondo, con la sua piccola e chiacchierona puffetta, lei pensa che alla fine, va bene così.




22 commenti :

  1. Mi emoziona vedere una foto così, la combinazione natura+amore rasenta la felicita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero Piky, attimi di intensa felicità!

      Elimina
  2. Mi rileggo in quello che dici, e mi rivedo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le emozioni ci uniscono Lindina cara

      Elimina
  3. Certo che va bene così!!! Ma non smettere di inseguire i tuoi sogni, per favore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, non lo faccio! A dirla tutta qualcosina ho realizzato....tre anni fa ho tradotto un libro, pubblicato sono in ebook. E' stata una grande soddisfazione che mi ha insegnato molto e non solo in termini "lavorativi"

      Elimina
  4. Sì, va bene anche così che quei due piedini piccoli ti fanno vedere percorsi che non avremmo mai neanche immaginato...

    RispondiElimina
  5. Risposte
    1. Sono un'inquieta, sempre alla ricerca di qualcosa...ma in quell'attimo lì, immortalato dalla foto, c'era solo perfezione :)

      Elimina
  6. Allora cara Liz, ogni volta che un po' di avvilimento ti coglie tu guarda questa meravigliosa immagine e ripeti non "va bene" bensì "va BENONE!!!" in ogni caso la cultura che ti sei fatta e la passione per William Blake non te le tolgono nessuno, nessuno neppure la più squallida delle scrivanie nel peggiore degli uffici. Un abbraccione e... quanta neve bellissima!!! Si noti il pantalone abbinato alla sciarpa di Ballerina! Sandra frollini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sandra! C'è molta più neve adesso! Mi raccontano che dopo la nevicata del 19 è un delirio...peccato non poter essere là a rotolarmi ;-)
      Lo sai che l'abbinamento è stato puramente casuale? La salopette era unica rimasta della sua taglia e la nonna le ha fatto la sciarpa abbinata senza saperlo!

      Elimina
  7. Com'e' cresciuta la Ballerina! Bello voi...Il futuro ha ancora tanto in serbo (ti capisco sui sogni di interpretariato, ma...hai presente lo sbatti? sei sempre via, non hai orari, non hai una vita...e invece con le traduzioni sei sempre con l'acqua alla gola con le scadenze...no no, molto meglio cosi :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiungo: con le traduzioni è molto, molto difficile campare, i traduttori sono pagati una miseria! (almeno, per mia esperienza e quella di amiche-conoscenti)

      Elimina
  8. Quattro chiacchiere tra ragazze passeggiando nella neve, il miglior rimedio contro ogni tristezza!

    RispondiElimina
  9. TUTTO può ancora accadere. Per cambiare strada, riprendere quella vecchia, o rendersi conto che quella vecchia non ci va più bene, visto che siamo cambiate. Intanto goditi la passeggiata con la puffetta, che per il resto c'è tempo....

    RispondiElimina
  10. Con qualche piccolo aggiustamento avrei potuto scriverlo io questo post... e davvero va bene così e comunque sono ancora molte le cose che possono succedere :-D
    Io ci credo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna sempre crederci. Come potremmo vivere senza sogni??

      Elimina