13 gennaio, 2014

Abbiamo perso la speranza

Mi piacerebbe fosse un luogo comune, una frase da vecchietta che ricorda i suoi "bei tempi", eppure non è così.

Notizia di ieri. Nel fine settimana, non so bene se nella notte di venerdì o di sabato, il centro cittadino è stato oggetto di numerosi atti vandalici: piante ornamentali rovesciate, sedie e tavolini di bar danneggiati e sparsi in giro come spazzatura.
Non era il primo episodio, ricordo anche lampioni della luce oggetto di tiro al bersaglio (con i sassi), imbrattamento di mura sia di luoghi pubblici che privati, schiamazzi e altre amenità.

Sembra che la gente abbia dimenticato come ci si comporta.

Non so bene cos'abbia spinto queste persone a compiere gesti così inutili, dannosi e odiosi. Il danneggiamento fine a se stesso? Compiere atti sconvenienti è diventato così figo?

L'idea che ci siano gruppi di persone che scelgono di passare una serata devastando la propria città mi fa rabbrividire.

Vuol dire che c'è tanto che non funziona.

Che non c'è rispetto né per ciò che è degli altri, ma nemmeno per ciò che è nostro.
Che non c'è senso civico.
Che non c'è senso di ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.
Che non c'è fiducia nelle istituzioni.
Che non c'è educazione.
Che in quelle teste non ci sono interessi, fosse anche solo il calcio!
Che non si sa che alle nostre azioni corrispondono conseguenze.
O che si crede che tali conseguenze non ci raggiungeranno mai.
Che si pensa che simili bravate siano un bel modo per passare il tempo.
Che non valga la pena di fare altro.
Che non ci sia dell'altro.
Che tutto sia una perdita di tempo, quindi tanto vale fare idiozie.


Questi episodi, così tristi e forse per qualcuno insignificanti, mi fanno tremare.
Perché mi sembrano segnali di un mondo che ha perso la speranza.



PS: Non c'entra nulla, ma come vedete oggi ho aggiornato il template del blog. Quello che vedete è il frutto del lavoro di Darcy, vi piace?

8 commenti :

  1. mi piace molto il cambiamento di grafica...lo trovo piu' leggibile ora.
    per quanto rigurda gli atti vandaligi, trovo vergognoso..tutto quello che hai scritto.
    non e' concepibile tale ignoranza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice che ti piaccia, in effetti l'ho voluto proprio così, semplice e leggibile al massimo!

      Elimina
  2. Non so se ha perso la speranza. Di certo di "buona creanza" in giro ce n'è poca.

    P.s. Più leggibilità, questo è certo...ma a me piaceva tanto quell'aria romantica che aveva prima il tuo blog e che questo minimalismo un po' porta via..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La buona creanza ormai è un ricordo...

      Sì l'altra versione era decisamente più romantica. Adesso sentivo il bisogno di una svolta minimal. Vediamo quanto dura :)

      Elimina
  3. Condivido tutto ciò che hai detto. So che il problema è a monte... mancanza di senso civico e di rispetto per le cose di tutti ma...mi piacerebbe che a tali azioni corrispondessero punizioni esemplari. Multe, e anche salate. hai spaccato tutto? Ora ripaghi di tasca tua. Anche per quanto riguarda gli atti vandalici a scuola , se ai genitori facessero pagare i danni causati dai propri figli sai come si ridurrebbero drasticamente questi comportamenti? tanti sono frutto di disagio e il discorso non è semplice ma molti sono frutto di pura noia....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Queste persone tendono a compiere questi atti perchè pensano (sanno) che tanto molto probabilmente resteranno impuniti!
      Noia. Noia di che? Studia, lavora, coltiva un hobby, se sei ricco viaggia, fai volontariato! Quante cose si possono fare nella vita invece che devastare i beni di tutti!!!!!!!!!!!!

      Elimina
  4. ah! molto carino il nuovo template!

    RispondiElimina