10 ottobre, 2013

What's music got to do with it?

Le cantanti pop di oggi fanno pornografia.
Con qualche giro di parole in più, è quello che in soldoni ha recentemente dichiarato Annie Lennox, cantante scozzese di cui non devo certo raccontarvi niente.

Sul subito ho pensato: "Oh ma che esagerata, non starà mica diventando invidiosa dei giovani visetti e delle gambe sode delle varie cantantucce stile Katy Perry?!".

Poi ho riflettuto. Non sapevo nemmeno di cosa stessi parlando, quindi mi sono informata un pochino, youtube santo subito.

Premetto che io non sono una bigotta, come potrei? Quando iniziavo ad avvicinarmi alla musica moderna, una certa signora Ciccone cantava "Like a virgin touched for the very first time" ammiccando per tutta Venezia insieme con un leone.

Poi, dieci anni dopo, sono uscita indenne dal girl power, sopravvivendo senza grossi traumi alle (S)pice* Girls e a tutte le loro (per fortuna poche) imitatrici. 

Successivamente ho anche superato le "lolite del pop", capostipite quella Britney che, appena uscita dai programmi Disney, cantava con la divisa del liceo "Hit me baby one more time", certamente senza doppi sensi...

Insomma, ne ho viste ed ahimè, sentite tante. 

Ma adesso abbiamo sfondato il muro del buon gusto.

Pensavo che un'ugola d'oro buttata nel wc (a suon di sculettate su motivi insulsi) come quella di Christina Aguilera, fosse il segnale estremo di un mercato che VUOLE produrre spazzatura, anche quando potrebbe ambire a qualcosa meglio.

Ma oggi ho scoperto tutta una nuova (o seminuova, non lo so) generazione di baby zoccolette che mi ha raggelato: gestualità inequivocabili, atti sessuali mimati esplicitamente, chiappe al vento, metri di lingua esposta a sproposito. Il tutto accompagnato da musica che non oso quasi definire tale e voci da topo gigio (che mi scuserà).

Tutto ciò per dire che: io forse sono diventata una vecchia criticona (eeehh si, era più bella la musica dei miei tempi!), ma forse un po' di ragione ce l'ha pure la signora Lennox. 



*Chiedo scusa, battutina comprensibile solo alle piemontesi, credo.

21 commenti :

  1. pienamente d'accordo, la musica moderna h ben poco della MUSICA, della poesia e dell'arte. Se avrò dei figli li farò venire su rincoglioniti e demodè a suon di jazz e blues, GIURO!

    RispondiElimina
  2. sono veramente antica... io ascolto un signore 62 enne che si chiama Bruce (Springsteen) e un altro signore di 79 che si chiama Leonard (Cohen).... le lolite pop possono dimenarsi quanto vogliono :-)

    RispondiElimina
  3. Non ho capito la battuta :( ma su tutto il resto pineamente d'accordo con te. Vogliamo parlare di Mley Cyrus???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un gioco di parole. La parola "picia" in piemontese (o per lo meno nella mia zona) identifica una donna di facili costumi e al plurale potrebbe diventare "pice". E voilà che togliendo la S alle Spice la battuta è servita.

      Miley Cyrus è inqualificabile!

      Elimina
  4. e se lo dice la lennox nota femminista c'è da darle (darti) ragione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero!!! Non avevo considerato questo aspetto

      Elimina
  5. Le mie conoscenze sulla musica attuale sono veramente scarse, per non dire nulle, e il tuo post non mi fa proprio venire voglia di approfondirle

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è meglio se lasci perdere, potresti avere brutte sorprese!

      Elimina
  6. Purtroppo o per fortuna ( direi per fortuna, dopo aver letto il tuo post), io sono rimasta indietro e poi ascolto o rock o classica, senza vie di mezzo.
    Qualche cantante di musica leggera italiano, se proprio voglio cantare (in inglese non mi riesce proprio) ma tutti di un'altra generazione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rock e classica mi sembra un ottimo abbinamento. Tempo fa, a chi mi chiedeva che musica ascoltassi, rispondevo che io amavo "Axl Rose e Beethoven". Quest'ultimo forse non prenderebbe benissimo l'abbinamento, ma sempre meglio di quello che ha detto Allevi...

      Elimina
  7. Non "vedo" mai musica, al massimo ascolto la radio. A volte mi è capitato di vedere ste scemette mezze nude e me le sono scordate in un attimo... ora che mi dici così non credo che approfondirò la conoscenza della "musica" recente :)

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. se ti sente la ventura
    a i faxtor una ha provato a dire la stessa cosa..l ha mangiato hahah...
    abbiamo la stessa eta' ...ti quoto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Ventura può pensare quel che vuole. Esattamente come me!!!

      Elimina
  10. Assolutamente ragione...anche io non ho mai capito perché prendi una con una voce come l'Aguilera e la rendi una bamboletta inutile. Comunque io spenderei una parola anche sui cantanti uomini: le ragazzine mi preoccupano, ormai impazziscono per BAMBINI! A me a 13 anni già piaceva uno come ROBBIE WILLIAMS (che non sarà Freddie Mercury ma ha il suo perchè anche come cantante, oltre che come pezzo di manzo!)...mica i ONE DIRECTION, che cantano male al pari di quanto sono "sciapi", asessuati, anonimi...mah! Sarà che ho pianto come una pupa al concerto di Paul McCartney...ma davvero siamo già vecchie???!!!????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei stata a un concerto di Paul McCartney??? Stimissima, è un mio sogno per ora mancato.
      Comunque hai ragione, anche i maschi danno da pensare....E anche il fenomeno dell'età sempre più bassa dei "cantanti" è preoccupante!

      Elimina
    2. Però secondo me che delle tredicienne siano attirate da ragazzini della loro età non è un male. Ok magari non saranno grandissimi musicisti, ma a quell'età preferisco pensare che sbavino per un ragazzino come loro che per un adulto. Che poi magari incontrano qualche adulto che se ne approfitta e a loro sembra normale no?

      Elimina
    3. Ok, non hai torto, ma un conto è se una pensa e ascolta la musica, un conto è perdere la testa per dei ragazzini privi di talento!

      Elimina