08 luglio, 2013

E buon lunedì a tutti

Mi rendo conto che certe volte il mio lavoro possa infastidire.

Al momento ricopro un ruolo abbastanza nebuloso, faccio un po' questo e un po' quello, tappo buchi, alleggerisco il capo e cerco di fare di necessità virtù, imparando, quando posso, cose nuove.

Di bello c'è che ho dato una mano nella redazione e revisione di un articolo di giornale che avrà come argomento l'azienda per cui lavoro: ho scritto, rivisto, pensato alle immagini, all'impaginazione. Roba nuova, roba bella.

Di meno bello c'è l'aspetto delle telefonate: chiamare aziende per raccontare quanto sia furba e bella la soluzione informatica che sviluppiamo e perchè non l'hanno ancora comprata sta roba così bella? Ecco posso capire che chiamare alla cieca delle persone che stanno lavorando, possa dare fastidio. Posso disturbare, questo lo so.

Ma egregi signori dall'altra parte del filo, sappiate che:

1. Questo lavoro è brutto prima di tutto per me che lo faccio; pensate per caso mi piaccia? Che mi diverta?
2. Ho questo lavoro per grazia ricevuta, non posso permettermi di fare la schizzinosa, quindi me lo tengo e lo faccio, seppur a malincuore.
3. Voi state lavorando e io vi disturbo? Ebbene, sorry about that, ma sto lavorando anch'io.
4. E' uno sporco lavoro, ma nobilita quanto il vostro, è degno di rispetto quanto il vostro.
5. Io pure, vado rispettata, perchè appunto, sto lavorando.
6. Urlare maleducatamente non vi servirà a nulla; oggi oltre a me, verrete chiamati da chissà quante altre persone che lavorano.
7. Non vi chiamo a casa vostra, mentre mangiate, digerite, dormite, o guardate la tv. Vi chiamo al lavoro. Credo ci sia una gran differenza.
8. Adesso che mi avete urlato addosso, mi chiedo, state meglio? Dubito.
9. Spero che non vi capiti mai di essere trattati come vengo trattata io.
10. E invece a te, brutta megera che oggi, di lunedì mattina, mi fai iniziare la settimana col magone, auguro almeno di pestare un chewing gum che qualche maleducato come te avrà gettato a terra. Fregandosene del prossimo, come te.

14 commenti :

  1. Io, alla megera, augurerei di pestare qualcosa di peggio del semplice chewing gum...
    Alla fine la gente non si rende conto che dietro a quel telefono c'è sempre una persona che sta svolgendo con serietà il proprio lavoro...e solo per questo merita il massimo rispetto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emma io ho cercato di essere buona qui sul blog, ma credimi che nella mia testa sono passati pensieri ben poco caritatevoli!

      Elimina
  2. Eh si è vero. Io ci penso sempre quando ricevo le telefonate dai vari call center....praticamente ogni giorno e la cosa mi infastidisce , lo ammetto, ma non rispondo mai maleducatamente perchè immagino la persona che sta dietro a quel telefono e lavora con la stessa dignità e necessità di rispetto che ho io.
    Comunque cara lizzie ti stavo pensando oggi...come è andato il weekend con la ballerina?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, anche a me dà fastidio, quando sono a casa ricevere le proposte di questo e di quell'altro...ma mi sforzo di essere gentile e cmq sempre educata perchè sono persone che lavorano come me.

      Il weekend è andato benissimo, confermo che stare al mare le fa bene. Certo stamattina all'alba sgattaiolare via di casa senza svegliarla e senza abbracciarla non è stato facile. Ma venerdì saremo di nuovo da lei!

      Elimina
  3. basta dire "grazie non ci interessa" che senso ha insultare una persona che sta lavorando come te. lì è proprio maleducazione di base.

    RispondiElimina
  4. Il rispetto per chi sta facendo il suo lavoro, qualunque lavoro, è uno dei principi a cui tengo di più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io. Putrtoppo si sta un po' perdendo mi sa!

      Elimina
  5. l'altro giorno mi ha chiamato un tipo, io lavoro per uno spedizioniere, la domanda è stata:
    "oh lì cercate autisti?" senza presentarsi, senza mi scusi, senza buongiorno ecc.
    Ho comunque risposto gentilmente, anche se volevo dirgli "ahbbbelllo a te un pacchetto non lo affiderei manco morta!"
    La megera mentre pesta la cicca usata, potrà anche fare uno scivolone.
    Un bacio venerdì è già dietro l'angolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah...io non capisco, dire buongiorno e presentarsi è così faticoso???
      Forse il caldo improvviso sta dando in testa a un po' di gente!
      baci cara

      Elimina
  6. C'è tanta maleducazione in giro che spesso viene voglia di rispondere per le rime....quando esagerano fallo!!!!!

    RispondiElimina
  7. La tentazione è stata forte, ma ho preferito evitare...per non scatenare l'ilarità dei colleghi, più che altro...

    RispondiElimina
  8. Ieri pomeriggio mi è tornato in mente questo tuo post.
    Devi sapere che, di fronte a casa mia, stanno scavando le fondamenta di un nuovo palazzo, cosa che, ovviamente, produce notevole rumore. Nel primo pomeriggio di ieri, appunto, una mia vicina di casa è uscita sul terrazzo e si è rivolta agli operai urlando:"ehi, voi che lavorate, fino alle 14.30 dovete fare pausa, qui stiamo cercando di dormire!!"...a proposito di rispetto verso chi lavora, come se gli operai ci provassero gusto a lavorare sotto il sole cocente di luglio per far dispetto a chi vuol farsi la pennichella!

    RispondiElimina