12 giugno, 2013

L'uso sapiente delle buone maniere

Prendo in prestito il titolo di un romanzo di un autore che amo e vi consiglio, Alexander McCall Smith. (Fine del messaggio promozionale!)

Stai passeggiando per un tipico vicoletto ligure, stretto e affollato, con una dueenne per mano che, dall'alto dei suoi 90cm di altezza, non ha uno stacco di gamba prodigioso: cammina piano, col suo passo. Cosa impedisce ad alcune persone di chiedere Scusi sono di fretta, mi fa passare per favore? Cosa spinge invece a bofonchiare tra sè in tono polemico stando però attenti che il volume permetta di essere sentiti Ok ma se qui mi facessero passare!

Stai discutendo di una mail ricevuta con il tuo capo. Gli chiedi dei chiarimenti, perchè supponi che lui abbia più esperienza di te e possa sapere cose che tu non sai. Cosa gli impedisce di risponderti Lizzie non so neanch'io, chiama il mittente e chiedi direttamente a lui, poi fammi sapere. Cosa lo spinge invece a dire, alzando la voce e con tono scocciato Lizzie, ti sto dicendo che non lo so! Devi pensarci tu, chiama sta persona e fatti dire più cose possibile.

Contesti diversi, uno privato e una lavorativo. Nel primo caso coinvolta una persona sconosciuta, nel secondo conosciuta. Eppure, risultato uguale: immotivata scortesia.
Potrei raccontare altri mille episodi.
Ecco, non lo sopporto, non sopporto le persone scortesi a prescindere, scortesi con con chi non c'entra nulla.
Se hai le balle in giostra per qualcosa, sono fatti tuoi, non miei. Se qualcuno ti ha fatto incavolare, se hai fretta, se hai tanto da fare, se hai addosso pressione........è colpa mia?
Ma soprattutto: dopo che mi hai apostrofato malamente, stai meglio? Hai risolto il tuo problema? Non credo.

Perchè la gente ha dimenticato quanto faccia star bene la gentilezza?
Fa star bene te che sei gentile con gli altri e fa star bene chi viene trattato con delicatezza.
Peccato che la gente non se lo ricordi più.

14 commenti :

  1. Già solo che i veri cafoni sono totalmente inconsapevoli, e ne siamo circondati.
    Mi piace che tu sei in ufficio e blogghi e io pure: mi pare che siamo vicine di scrivania!!!
    sandra frollini
    ps. eri ad Alassio, vero?

    RispondiElimina
  2. E' vero è bellissimo Sandra, mi serve davvero una compagna di scrivania: sono in uno stanzino da sola! (isolata lavorativamente e fisicamente..)
    Sì ero ad Alassio, ci vieni ogni tanto????

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. Eggà. Di santi in giro ci sono solo più le parole!

      Elimina
  4. eh si, hai proprio ragione: sbottare non serve a niente, non e' che uno poi si senta meglio, anzi! Cerco sempre di ricordarmelo, ma a volte pure io cado nel tranello dell'attaccare il primo facile bersaglio...
    Il primo episodio mi fa molto British: pure loro fanno spesso cosi, mai a dire le cose in faccia, non trovi?
    Il secondo invece fa molto "macho che non accetta che la sua autostima corazza venga intaccata da una domanda che mette a nudo la sua fragilita'" (che fragilita' non e', ma sai come sono, questi poveretti, basta poco a metterli in crisi)
    Dai che stasera torni dalla Ballerina e ti dimentichi di tutto il resto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si in effetti...molto british. mai che acquisiamo dall'estero qualcosa di buono! tzè
      Ma infatti è così, dopo 2 mesi l'ho inquadrato: deve essere onniscente e guai a chi evidenzia che non lo è! che pena...
      un bacio Sfolli

      Elimina
  5. Rispondo da qui:
    sono stata ad Alassio 2 volte in tutta la mia vita, la prima circa 15 anni fa ero in vacanza a Loano, e poi quest'autunno per la presentazione di Frollini, e questa seconda volta me ne sono innamorata, non la ricordavo così bella. Mi piacerebbe tornarci, solo che in estate poi il ritorno verso MI alla domenica sera è un disastro, vedremo + avanti.
    Ti avviso : ) ciao collega!
    sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bella vero?Io come sai non sono una vera e propria amante del mare, ma Darcy lì ha trascorso le sue estati di bambino e mi ha trasferito l'amore.
      Ma l'ho scritto da qualche parte che ero ad Alassio o tu hai un intuito che nemmeno Miss Marple??
      Il rientro di domenica sera è IMPOSSIBILE, noi infatti rientriamo sempre il lunedì mattina. Partenza h 6.45
      Aspetto tue news!

      Elimina
  6. Ilmondo e' pieno e sembra che la maleducazione sia diventata una virtù o peggi ancora una caratteristica caratteriale!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' terribilmente di moda in effetti :(

      Elimina
  7. Le scene che tu descrivi purtroppo sono ormai parte della "normalità", è triste pensare che la stessa cosa potrebbe essere detta in modo molto meno sgradevole ottenendo lo stesso risultato, anzi forse anche di più.
    L'idea della partenza da Alassio il lunedì mattina mi sembra ottima, affrontare la coda della domenica sera con una duenne in macchina sarebbe un azzardo, non so se basterebbe il cd di peppa pig ;-)

    RispondiElimina
  8. Eh si Serena ormai è la normalità, ma possibile che nessuno capisca quanto sia deleterio??
    Ah per fortuna di norma la dueenne si ferma ad Alassio coi nonni, siamo noi mamma e papà che ci spariamo i km all'alba!

    RispondiElimina
  9. mi fai pensare alla mia collega che ha un caratterino niente male che spesso arriva alla maleducazione nel rispondere quando le si chiede di fare una cosa, è semmpre scocciata, tutto quello che deve fare epr lei è una rottura di ***.....ma non tanto se glielo chiedo io.....ma anche quando glielo chiede il capo che ti assicuro è una delle persone migliori che io abbia conosciuto.....
    A me oltre che sembrare maleducata sinmceramente mette una gran tristezza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di fondo credo che le persone maleducate siano tristi, per qualcosa che non sappiamo, e la maleducazione e la scortesia forse sono un modo per scaricare la loro tristezza e amarezza...

      Elimina