19 dicembre, 2013

Il menu di Natale e varie amenità

Sebbene io sia una convinta sperimentatrice, aperta al cibo di altre culture ed appassionata, avendo il tempo, di cucina, per Natale non ci sono discussioni: menu tipico piemontese, della famiglia.

  • Antipasti: cotechino, salame sotto grasso (quest'ultimo è proprio una specialità della zona), vitello tonnato, peperoncini ripieni di acciughe (very Piemonte)
  • Primi: agnolotti al sugo di brasato o con burro e salvia
  • Secondo: brasato, il cui sughetto serve per condire gli agnolotti di cui sopra.
  • Formaggi: gorgonzola e toma valsesiana.
  • Frutta: uva, mandarini e frutta secca, perché si dice che porti bene.
  • Dolci: panettone per tutti, pandoro per me, pecora nera che non ama uvette e canditi.

Dopo anni di abbuffate all'insegna dell'avanzo protratto fino a Capodanno, siamo approdati a questo menu, ricco ma non troppo, che permette di non ammazzarsi a colpi di forchetta come succedeva fino a qualche tempo fa, quando le mie nonne, ancora in forma, si esibivano anche in melanzane, cavolfiori fritti e frittura dolce di semolino (da aggiungere agli antipasti) e faraona al forno (da aggiungere ai secondi). Un po' perché le due donnine non ce la fanno più, un po' perché i nostri stomaci non ce la fanno più, ora queste portate sono state accantonate.

Note di colore.
  • Se mia madre volesse restare vedova, potrebbe farlo senza problemi fornendo a mio padre salami, cotechini e formaggi ogni giorno: lui senza stufarsi, né batter ciglio, alimenterebbe sereno il suo colesterolo.
  • Se mio padre volesse far ri-ingrassare mia madre, dovrebbe portare in tavola ogni giorno agnolotti e vitello tonnato. Che invece lei tocca solo a Natale, per l'appunto.
  • Dipendesse da me, ripristinerei almeno le melanzane fritte, ma alle mie invocazioni non risponde mai nessuno.
  • Il pandoro è esclusivamente mio: anche la Ballerina predilige il panettone, ne consegue che, con calma, per capodanno me lo sono pappato tutto, da sola. Anche prima.
  • Il vitello tonnato di mia suocera è squisito, ma io rimarrò indissolubilmente legata a quello che faceva mia nonna.  La sua maionese fatta in casa resta inarrivabile.
  • Il vino bianco della discordia. Io e i miei genitori con i dolci amiamo il vino bianco dolce, in particolare io amo il passito. Mio marito ed i miei suoceri ci guardano schifati e sfoderano puntualmente il loro Brut.
  • Sogno da anni di fare i biscotti di pan di zenzero: quest'anno alla Vigilia non lavoro (prima volta da 10 anni, wow): dite che ce la faccio?
  • Le tre nonne da 6 anni a questa parte, dopo il pranzo di Natale, si piazzano sul mio divano a fare la gara delle malattie e della vedovanza: chi ne ha di più e chi si sta passando la peggiore. Tutti gli anni faccio l'arbitro e finisce pari.
  • Da che mondo è mondo, dopo pranzo mio papà telefona ai cugini romani, sordo a chi (tutti) gli dice "E' presto, staranno ancora mangiando!" e li becca all'antipasto, quando va bene.
  • Da che mondo è mondo, dopo pranzo mio papà si addormenta sul divano.
  • Adoro il Natale anche perché è l'unica volta all'anno in cui uso il mio adorato servizio di piatti di Jasper Conran.
E i vostri menu? Fatemi sapere, così magari traggo ispirazione!


10 commenti :

  1. Ehm... per i miei standard è ricchissimo!
    Quest'anno siamo riusciti a convincere mia mamma (che non ama cucinare) a fare un pranzo natalizio alternativo, con tanti antipasti-assaggini preparati da me e da mia nipote (muffin salati, fagottini di pasta sfoglia con diversi ripieni, focaccine ecc...) seguiti (ma l'ordine potrà essere cambiato a piacere!) da un primo tradizionale (ravioli al sugo). Poi frutta fresca, secca e panettone. Moooolto semplice e divertente, per tutti i gusti. E nessuno avrò troppo lavoro ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello, mi ispira, anche perché mi diverto molto a cucinare con la pasta sfoglia. Vedi, primo commento e già trovo idee interessanti, magari da sperimentare a gennaio per il mio compleanno!

      Elimina
  2. Mah non so dato che m7a suocera che cucina si è rotta il braccio...non so cosa mangeremo ..ehe

    RispondiElimina
  3. mmmmmm che bontà!!!! Anch'io sono pro pandoro... con la crema al mascarpone... una delizia!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, vedo che ci intendiamo alla perfezione!

      Elimina
  4. Il menù si somiglia molto, anche se sull'antipasto qui si usa molto, panini al latte con burro salato e salmone! Il dopo pranzo e' praticamente identico! Bello eh! ;-)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il dopo pranzo non conosce latitudine ;-)

      Elimina
  5. Nella mia famiglia ci si dividono i compiti, anche perchè saremo circa una ventina a tavola, quindi ogni nucleo famigliare prepara qualcosa. I piatti che non mancano mai sono: l'insalata russa tra gli antipasti, i ravioli tra i primi e la cima alla genovese tra i secondi. Quasi quasi inizio un digiuno preparatorio, le probabilità di soccombere tra una portata e l'altra sono elevate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello, una tavolata di venti persone è il mio sogno, noi siamo in 10!

      Elimina