20 agosto, 2007

Temporale

Sta arrivando un temporale, almeno spero. Come sempre, si annuncia con i tuoni, il vento, il cielo che diventa color del piombo e l'aria che profuma di pioggia.
I temporali mi sono sempre piaciuti, fin da piccola, quando passavo l'intera estate in montagna. Là spesso mi succedeva di essere in giro per il paesino e di dover correre a casa, colta da un acquazzone. Arrivavo trafelata e sudata, mia nonna mi accoglieva dicendomi "Sei fradicia come un fungo!" (in realtà me lo diceva in dialetto, qui ho tradotto in italiano per rendere la frase comprensibile) e mi dava sempre dell'incoscente, perchè correvo, sudavo, prendevo freddo...le solite cose da nonne. Poi mi cambiava la maglietta e mi faceva il thè (sono sempre stata un po' anglosassone nell'anima) che accompagnavo con un pezzettone di focaccia comprato la mattina. A quel punto mancava la luce: fuori era quasi buio, eravamo sommersi dalle nuvole basse. Mio nonno smetteva di fare La Settimana Enigmistica e andava a cercare le candele. Poi lui e mia nonna si sedevano al tavolo con me, lui beveva il suo thè (la nonna lo faceva sempre anche a lui), io divoravo il mio merendone e poi giocavamo a carte con un paio di condele a farci luce, aspettando che la corrente tornasse.

5 commenti :

  1. continua ti prego!!

    questo e' il blog piu' bello...

    RispondiElimina
  2. Il temporale è arrivato e io ho la bici e le infradito!

    La scena che hai descritto sa di tepore di casa e di coccole...che nostalgia dei nonni!

    RispondiElimina
  3. @scighera: capisco che queste immagini ti piacciano, conosci i luoghi, i rumori, i colori, tutto.

    Adesso continuo!


    @maredidirac: i ne ho proprio tanta di nostalgia, ma i ricordi sono tanto dolci.

    RispondiElimina
  4. utente anonimo31 agosto 2007 14:00

    la nonn ti diceva mica "t'è marscia mè 'n bulé"?


    Complimenti al blog

    GU

    RispondiElimina