29 novembre, 2013

Le donne che non devono chiedere mai

Chi mi conosce lo sa, io oscillo. Oscillo molto. Sono umorale e incostante. Nella vita come nel blog.
Nel blog è anche un po' voluto, perché non vorrei che fosse incasellabile, io sono multisfaccettata e lui mi riflette...Tutto ciò per dire che dopo la serietà e la gravità del post precedente, oggi si cambia tono. Perché splende il sole, perché è venerdì, perché ce lo dobbiamo.


Riflettevo sui motivi più frequenti delle mie incavolature con Darcy.
Che poi non è che siano tante e sono pure da poco, più che altro io mi lamento spesso del "Non ci arriva".

Afferrata la causa, ho capito, è stato un attimo.

Spiego.

A noi donne non piace chiedere esplicitamente. Ci irrita.
Non ci piace perché è chiaro, lampante, palese: possibile doverlo esplicitare a chiare lettere?
Non ci piace perché trattasi di una tale ovvietà che ci sembra di essere pedanti a rimarcarlo. E noi non siamo pedanti, nonnò.
Non ci piace perché è una perdita di tempo, è talmente chiaro!

Ma soprattutto non ci piace perché il chiedere esplicitamente qualcosa presuppone che la persona a cui chiederemo, non lo capisca da sé.

E questa cosa per noi è INCOMPRENSIBILE.
Esula dalle nostre capacità intellettive. Appartiene a un altro mondo, ad un altro universo.

Se sono le sette e un quarto di sera, se sono arrivata a casa da 10 minuti scarsi, se sto salendo le scale con in mano una torre di babele di panni da ritirare, se l'acqua della pasta è sul fuoco, se c'è una figlia allo stato brado in salotto e io sono ancora vestita "da ufficio",  possibile che debba chiedere: "Amore, potresti per favore smettere di lavorare, uscire dal tuo studio e venire di qui a dare un occhio alla bimba e/o alla cena?"

Com'è possibile che io debba perdere tempo a chiedere una cosa tanto ovvia? Non ci arriva da solo?!

NO

Questa cosa ci manda in bestia.

Peggio di quella antipatica là con il nostro stesso vestito ad un matrimonio. Che magari le sta pure meglio.
Peggio della commessa del negozio che dice, azzeccandoci: "Cosa le prendo, Signora, un 44?", tronfia dei suoi 22 anni e della sua 40 scarsa.

Molto peggio.

Dobbiamo farcene una ragione: gli uomini NON - SONO - INTUITIVI.

Possono essere ingegneri nucleari, architetti d'avanguardia, cardiochirurghi infantili o astrofisici, ma non saranno mai ANCHE intuitivi.

Al contrario: loro amano le istruzioni precise, detestano doversi destreggiare con quelli che per loro, sono solo fumosi indizi sul da farsi.
Più gli diamo ordini chiari, meglio stanno.

Ricordo che una mia amica mi raccontò di aver spedito il marito a comprare delle pere. Tornò a casa con delle pere schifose pagate a peso d'oro. Lei: "Ma scusa, non le hai viste? Non hai letto il prezzo?Non potevi prendere qualcos'altro??" Risposta: "Ma se tu mi ha detto pere!"

Quindi tanto vale mettersi il cuore in pace, accompagnare il nostro consorte nel soggiorno dove vostra figlia ha fatto scoppiare il terzo conflitto mondiale e, di fronte al di lui sguardo interrogativo, esplicitare: "Ti spiace riordinare un pochino e stare con la piccola mentre io mi cambio e preparo la cena?".
Lui non si risentirà, tutt'altro. E forse a noi non verrà la gastrite.

27 commenti :

  1. C'è da dire che magari la tua amica aveva la ricetta della torta di pere e se lui tornava con le mele magari lei si inca** anche sti uomini a volte sono un po' da capire, per il resto ti appoggio in toto! Ah sono Michela, mamma equilibrista anch'io ... ti leggo da un po' ma non ho mai commentato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michela, grazie per aver commentato e per aver firmato!
      E' vero quello che dici, nel caso sarebbe stata colpa della moglie perché avrebbe dovuto SPECIFICARE che erano per una torta ;-)

      Elimina
  2. Quella delle pere e' un classico di mio marito, così ora aggiungo sempre: " se però le ritieni troppo care e/ o cattive, prendi un altro gente di frutta, ossia banan/ mela / uva" ( ovviamente specificando e non dando troppe alternative)!
    Per il resto, concordo in toto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahh vedi allora ci capiamo proprio!!!

      Elimina
  3. Ah come hai ragione cara lizzie....e io che sto a chiedermi ancora PERCHE??? perchè se è ovvio come il sole? perchè se è lampante come la luce del giorno??? mi verrà la gastrite lo so......

    RispondiElimina
  4. My Dear Lizzie,
    ti ricordo che oltre a essere un uomo/marito sono anche ingegnere quindi più le istruzioni sono precise più FUNZIONO meglio! :-) (LOL) (ROTFL) <3 <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo, lo sanno tutti che gli ingegneri non vivono, funzionano ;-)

      Elimina
  5. Uhm sta volta non so. Nel senso che se a mio marito do istruzioni troppo dettagliate, mi dice: "mi tratti come un cretino!" bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora Emanuele è proprio eccezionale, una ola per lui!!!

      Elimina
  6. Io credo che alcuni uomini ( il mio compreso!!!!!!!!!!) con la storia che non sono intuitivi, ci marcino!!! Allora io in genere non chiedo, aspetto che lui se ne accorga, se non se ne accorge urlo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici?? Beh in effetti adesso che ci penso è assai plausibile...uhm...

      Elimina
  7. non ci vedo nulla di cosi strano... donne e uomini sono esseri con codici genetici diversi... quinti atteggiamenti e abitudini e modi di vedere diversi..
    la vita e' bella anche per questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah sì, mai detto il contrario! Chi sei?

      Elimina
  8. solo un navigatore del web e mi chiamo Michele.. son .. capitato nel tuo blog per pura coincidenza... lo trovo interessante.. sotto molti aspetti
    e il parlare di uomini e donne e' sicuramente un modo di coinvolgere moltissime persone..
    da quando il mondo esiste la donna e capace data la natura del suo pensiero di vedere una prospettiva piu ampia ... mentre la mente e il pensiero settoriale dell uomo... funziona mettendo una cosa dietro l altra...
    ..

    RispondiElimina
  9. Benvenuto Michele, non ho molti lettori uomini quindi mi fa molto piacere il tuo passaggio e ancor di più il tuo commento, che da donna trovo interessante. Spero tornerai :)

    RispondiElimina
  10. ah ma c''e un nuovo post...oddio perdo i colpi. Si si, e poi aggiungerei anche che non basta dirlo una volta, bisogna ripeterlo tutte le volte, perche' a loro manca anche il modulo 'ripeti in condizioni uguali o simili'. Aaaah che pasiensa....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si e anche la memoria a breve termine!! tanta tanta pasiensa...

      Elimina
  11. Concordo pienamente!!!!!!!!!!! anch'io mi arrabbio quando non vede delle ovvietà, e poi alla fine quando spazientita lo faccio notare mi esce quel tono acido e alla fine si discute.

    RispondiElimina
  12. No, no, come non si risente!
    Ti assicuro che dopo un po' che gli dici cosa deve fare, se la prenderà pure perchè "gli dai gli ordini"! niente, non c'è niente da fare :(

    RispondiElimina
  13. verissimo! io ci ho fatto pace e lascio direttive militari, che se le lasciasero a me mi incazzerei come una matta. invece vengono apprezzate! contento lui!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, è quella la cosa strana. A me darebbero sui nervi....è proprio vero che siamo diversi!

      Elimina
  14. D'accordo su tutta la linea. Al mio compagno dico sempre che sarà pure un'eccellenza nel suo campo, ma non è capace di fare 2+2.... (e come se la prende... ;-) )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mancano di un po' di senso pratico, giusto un pochino ;-)

      Elimina