06 novembre, 2013

Capita

Capita che i bambini prendano il raffreddore a novembre. Anche in uno strambo novembre con quasi 20 gradi (o forse proprio per questo).

La prima notte di raffreddore significa zero ore di sonno, la mamma lo sa, la mamma conosce la sua piccola polla, nonostante lo sguardo scettico della nonna alla frase "Stanotte non si dorme" , lei sa che ha ragione.

E infatti.

La nottata è un susseguirsi di risvegli piagnucolosi, la mamma decide di pernottare sulla Poang accanto al lettino e dormire (?) lì, con il golfino di lana e la coperta buttata addosso. Ha deciso così in un momento di insensato spirito di sacrificio (così almeno Darcy potrà dormire tranquillo), misto a un vago senso di orgoglio mammesco (quando si sveglia, vuole solo ME).
Ad ogni risveglio (ogni mezz'ora circa) la questione si risolve infatti con un'asciugata di nasino e un "La mamma è qui tesoro" e la piccola si riaddormenta, russicchiando. La mamma no, nè dorme, né tanto meno russa, ma questo era messo in conto.

Ora, per quanto la Poang sia un'invenzione meravigliosa (tanto che ne abbiamo 2), che mi ha comodamente ospitata durante i mesi di allattamento e sostenuta durante il periodo dei risvegli repentini, quando una soffre di cervicale, non è proprio l'ideale. Almeno per passarci la nottata.
Ieri mattina il mio collo gridava aiuto, tutto il lato sinistro era dolorante, dalla tempia alla spalla.

Va beh, dopo una dose massiccia di caffè, la mamma esce di casa direzione ufficio (la Ballerina ronferà beata fino alle 8.40).

Uno, due, tre, quattro. Al quinto gradino in salita, capita che il ginocchio sinistro decida di fare concorrenza al collo: un dolore lanciante, difficoltà notevole a stendere la gamba, male bestia a camminare.

Ok, capita pure questo, stasera incontrerò il mio amico Voltaren.

Ebbene, arriviamo ad oggi.
La nottata è stata provvidenziale, la piccola ha dormito e la mamma pure, alle 11 era già a letto, cosa che non capitava credo da quando faceva prima media. Stamattina altra dose di caffè e Voltaren e via che si a lavorare.

Ma nel corso della mattinata capita che il mal di testa diventi insopportabile. Vogliamo negarci un moment act? Giammai. Et voilà. Ora aspetto che faccia il suo benefico effetto.

Siamo a mercoledì. Posso dire che almeno metà settimana è andata?

15 commenti :

  1. Sono giorni che chi sento e' un po' acciaccato. Quest'inizio inverno e' uno strazio! Dai forza!!!

    RispondiElimina
  2. se può consolarti, il nano, dopo un bellissimo weekend lungo (evvai!), domenica notte ci ha tenuti svegli con tosse e raffreddore e bicchieri d'acqua e nasino colante e piantini ecc. ecc (tanto lo sai cosa significa), lunedì aveva la febbre (= pianti di lavoro scombinati e telefonate dell'ultimo minuto ai nonni, dell'uno e dell'altro ramo familiare, per incastrare il tutto), di notte replica come sopra e martedì replica di luned' (senza febbre, però)...oggi nido perchè sta meglio (naso a parte) e io...mi sento tutta rotta!!!
    tremo al pensiero del resto della settimana...e tu?

    RispondiElimina
  3. Che strazio! Qui di notte c'è un concerto di tosse da fare invidia a un sanatorio...l'unico rimedio efficace sarebbero i lavaggi nasali, se solo almeno una delle due figlie se li lasciasse fare! (ma le capisco, mi opporrei anch'io se qualcuno tentasse di farli a me)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah io glieli faccio, ormai è rassegnata!

      Elimina
  4. Oh uffa :-(
    Ti meriti una seconda parte della settimana serena... ripasserò di qui a controllare, eh!

    Un abbraccio stretto...

    RispondiElimina
  5. Ciao! Molto simpatico il tuo blog! Non sapevo cosa fosse la poang :))) ma poi ho capito che mia suocera non vive senza la sua di poang e pure lei ci si addormenta e poi soffre i dolori che hai descrito. A quanto sembra quella posizione è ottimale per prendere sonno ma non per un dolce risveglio alla mattina dopo varie ore purtropo!

    RispondiElimina
  6. Uff.. mammamia quanti errori ho fatto nel mio commento!!! Forse mi manca ancora del caffè :-|

    RispondiElimina
  7. Ciao Luciana benvenuta...si ho dato per scontato che tutti fossero malati di Ikea come la sottoscritta.
    Consoliamoci, sono le 9.42 e tra poco scatta il secondo caffè della giornata :)

    RispondiElimina
  8. E perchè la prossima volta non te la porti nel letto, mettete tanti cuscini così lei dorme sollevata e tu non ti distruggi fisicamente? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La scorsa volta abbiamo fatto come dici tu, con Darcy relegato sul divano del soggiorno. Questa volta era così stanco che mi dispiaceva sfrattarlo dal suo letto...

      Elimina
  9. Sì, ci sta tutto, dal raffreddore per troppo caldo alle cervicali e smottamenti ossei per aver dormito male. Ma, come saprai benissimo, appena loro guariscono, noi dimentichiamo tutto! :-)
    Un abbraccio, cara Liz.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, basta che stia bene lei e io faccio anche una corsa campestre :)

      Elimina