13 settembre, 2013

Verso il basso

No, non ci siamo mica capiti.

Quando si parlava di pari opportunità, noi non ci riferivamo a questo.
Insomma, c'è di peggio nella vita, però non era questo che avevamo in mente.

Perchè così è come quando, in seconda media, io e la mia compagna di classe A., alla consegna dei compiti in classe di matematica ci siamo rese conto che i nostri elaborati erano identici (e meno male che eravamo sedute distanti, o l'accusa di aver copiato ci avrebbe subito colpite): stessi identici errori, ma voti diversi: io 7-, lei 7+. Con fare incazzoso ci rechiamo dalla prof. di mate urlando alla disparità di giudizio e lei serafica, guardando i compiti ci dice: "Sì, avete ragione, ho sbagliato: 7- a tutt'e due".
Della serie, la prossima volta ci pensiamo un attimo, prima di chiedere spiegazioni.

Essì, perchè così è un'uguaglianza antipatica, è un livellare verso il basso. Non era questo che volevamo, no davvero.

E' come quando dicono che a scuola non si devono fare più i lavoretti per Natale per non discriminare i bambini appartenenti ad altre fedi o confessioni. Non sarebbe meglio invece fare lavoretti per tutte le ricorrenze che interessano gli alunni presenti in classe? Non sarebbe meglio far conoscere a tutti le tradizioni, le culture e le religioni altrui? Imparare a conoscerle, capirle e magari, apprezzarle?
Ma no, suvvia, troppo complicato. Aboliamo tutto che facciamo prima.


Livelliamo verso il basso.

E' un po' così anche adesso.
Non avevamo in mente questo, noi donne.
Pensavamo, che so, a maggiori tutele in fase di assunzione, a garanzie durante eventuali gravidanze, pensavamo a nidi aziendali, a pari opportunità di carriera, a maggiore attenzione a fenomeni scomodi come il mobbing...Certo la nostra mente non pensava ai


Velini Maschi

 

No, no. Mi sbaglierò, ma penso che ne avremmo anche fatto a meno.

11 commenti :

  1. Sta cosa del natale a scuola è molto triste e vissuta sulla pelle di mio nipote. Ma sì una bella spianata di catrame su tutte le velleità di volare alto. Dobbiamo per forza tenerci stretti in nostri piccoli paradisi, ma piccoli eh, perchè intorno va sempre peggio.
    Un bacio Sandra frollini

    RispondiElimina
  2. Standing ovation per questo post!!!

    RispondiElimina
  3. ps: hai attivo i captca...sarebbe quei numeri di verifica che ti escono quando commenti se vuoi ti do una mano a toglierli...fammi un fischio anche nel mio blog

    RispondiElimina
  4. Velini....da buona ligure, leggendo questa cosa il mio primo istinto è di cambiare con B la prima lettera di questa parola, il termine che ne risulta è molto più adatto alla situazione;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah, hai ragione, brava Serena!!!

      Elimina